Bonifiche amianto

Nelle zone di Imola, Bologna e Modena sono ancora molti i residui di amianto presenti negli edifici. L'amianto costituisce un pericolo per la salute delle persone, Boscolo Srl opera la rimozione di questo materiale tossico secondo le normative vigenti.

L’azienda Boscolo Srl è specializzata nella bonifica di amianto nella provincia di Bologna, Modena, Imola, Ravenna. Operando nel pieno rispetto delle normative vigenti.

L’amianto, chiamato anche asbesto, è un minerale naturale a struttura microcristallina e di aspetto fibroso. Le fibre di amianto sono molto addensate ed estremamente sottili, la struttura fibrosa conferisce all’amianto sia una notevole resistenza meccanica sia un’alta flessibilità. Questo materiale resiste al fuoco e al calore, all’azione di agenti chimici e biologici, all’abrasione e all’usura termica e meccanica. E’ dotato inoltre di proprietà fonoassorbenti oltre che termoisolanti. L’amianto si lega facilmente con materiali da costruzione e con alcuni polimeri. Perciò l’amianto è un minerale praticamente indistruttibile, non infiammabile, molto resistente all’attacco degli acidi, flessibile, resistente alla trazione, dotato di buone capacità assorbenti, facilmente friabile.

La tossicità del cemento-amianto è comprovata: se respirate, i materiali contenenti amianto le polveri contenenti fibre d’amianto possono infatti causare gravi patologie come l’absestosi per importanti esposizioni, tumori della pleura, ovvero il mesotelioma pleurico, e carcinomi polmonari.

In natura si trovano due differenti tipologie di amianto: a matrice compatta e a matrice friabile.

Nei prodotti, manufatti e applicazioni, in cui l’amianto è presente, le fibre possono essere libere o debolmente legate: si parla in questi casi di amianto in matrice friabile, oppure possono essere fortemente legate in una matrice stabile e solida: si parla in questo caso di amianto in matrice compatta.

L’amianto compatto, più conosciuto con il termine eternit, in passato è stato molto utilizzato soprattutto per la costruzione degli edifici civili ed industriali nel settore edile, come tetti di capannoni, di garage o per la realizzazione delle canne fumarie e vasi d’espansione generalmente posti nei sottotetti. L’amianto friabile è molto più pericoloso dell’amianto compatto, in quanto le fibre in esso contenute si possono disperdere più facilmente nell’ambiente perché ha una maggiore tendenza a frantumarsi e disperdere quindi le sue fibre nell’ambiente. Nel settore edile è possibile riscontrarne la presenza, nei grandi lastroni per interni, in pannelli leggeri per ambienti esposti al calore.

I più pericolosi sono i materiali contenente amianto friabile i quali si possono ridurre in polvere con la semplice azione manuale e, a causa della scarsa coesione interna, possono liberare fibre spontaneamente soprattutto se sottoposti a vibrazioni, correnti d’aria, infiltrazioni d’acqua o se danneggiati nel corso di interventi di manutenzione. L’amianto compatto invece per sua natura non tende a liberare fibre e quindi il pericolo sussiste solo se segato, abraso o deteriorato. 

Boscolo Srl interviene sulla bonifica dell’amianto attraverso tre tecniche: rimozione, incapsulamento e confinamento.

La rimozione e smaltimento con conseguente bonifica di amianto elimina ogni potenziale fonte di esposizione ed ogni necessità di attuare specifiche cautele per le attività che si svolgono nell’edificio. In genere richiede l’applicazione di un nuovo materiale, in sostituzione dell’amianto rimosso.

L’incapsulamento è un trattamento dell’amianto con prodotti penetranti o ricoprenti che, a seconda del tipo di prodotto usato, tendono ad inglobare le fibre di amianto, a ripristinare l’aderenza al supporto, a costituire una pellicola di protezione sulla superficie esposta. Con tale intervento il materiale contenente amianto permane nell’edificio e pertanto è necessario i mantenere un programma di controllo e manutenzione.

Il confinamento consiste nell’installazione di una barriera a tenuta che separi l’amianto dalle aree occupate dell’edificio. Se non viene associato ad un trattamento incapsulante, il rilascio di fibre continua all’interno del confinamento. Occorre sempre un programma di controllo e manutenzione, in quanto l’amianto rimane nell’edificio.

La scelta tra queste tipologie d’intervento è legata al tipo ed alle condizioni del materiale, alla sua ubicazione, alla volontà della proprietà di eliminare alla radice il rischio o mantenerlo in modo controllato, ecco perchè Boscolo Srl è specializzata nella bonifica ed offre anche un servizio di valutazione dello stato di conservazione delle coperture.


[Totale: 3    Media Voto: 5/5]

Metodologie di bonifica

Risorsa 26

Incapsulamento

Sono utilizzati idonei prodotti penetranti, fissativi preliminari e poi prodotti ricoprenti colorati per bonificare e ridurre, entro i limiti fissati dalle normative, l’emissione di fibre di amianto dalla copertura.
Risorsa 38

Rimozione e smaltimento

Prima di venire rimosse, le lastre e/o i manufatti contenenti amianto vengono trattati con appositi prodotti incapsulanti e successivamente vengono imballati ed etichettati nel rispetto delle normative vigenti.
Risorsa 37

Confinamento

Le lastre e/o altri manufatti in cemento amianto non vengono spostati ma trattati con appositi prodotti e sovracoperti con un materiale aggiuntivo. In questo modo vengono totalmente isolati dall'ambiente esterno.
Risorsa 33

Valutazione dello stato di conservazione

Al fine di valutare le condizioni delle coperture in cemento amianto, al fine di individuare gli interventi (monitoraggio o bonifica) che il proprietario dell'immobile e/o il responsabile dell'attività che in esso si svolge, dovrà attuare.

Preventivo senza impegno per la bonifica di amianto